Skip to main content

In questo articolo condivideremo con voi l’essenza di Co-Brains tramite anche pensieri e parole di Giacomo Baratti, fondatore e attuale CEO.

L’esigenza della stesura di questo articolo è nata dall’esperienza accumulata con i nostri clienti, decision maker di  piccoli e medi imprese che si lanciano con entusiasmo nel mondo dell’innovazione digitale senza avere ragionato a sufficienza su quali possano essere i reali obiettivi, il target e le strategie da adottare per emergere rispetto alla concorrenza.

Quest’articolo non vuole essere auto celebrativo ma permettere a tutte le persone che avranno voglia di proseguire nella lettura, a sbirciare oltre le quinte di quello che può essere la complessità di una software house che non si limita a fornire expertise tecnica ma che pone in campo competenze di consulenza aziendale come carta vincente del risultato atteso.

Innovazione aziendale: unione strategica di DNA tecnico e anima consulenziale

Cominciamo definendo cosa significa per noi fare consulenza. Il consulente è un professionista che, avendo accertata esperienza pratica e di conoscenza della materia specifica, consiglia e assiste il proprio cliente nella gestione del business e dell’impresa. Nello specifico fare consulenza nel  mondo dell’innovazione tecnologica significa saper ascoltare e guidare il cliente verso la soluzione giusta per risolvere il proprio problema.

Ci sono tante teorie sull’innovazione aziendale. Una di queste è di Schumpeter nella quale individua diverse aree di intervento per fare innovazione all’interno dell’azienda. Fare consulenza aziendale significa tenere  in considerazione tutti i quattro ambiti di innovazione aziendale (prodotto, processo, organizzazione e mercato)  perché spesso la soluzione per essere innovativa e assolvere pienamente alla richiesta del cliente coinvolgerà più di un’area di intervento.

Nel raccontare Co-Brains, Giacomo, mette in luce perché l’approccio consulenziale è fondamentale per garantire il successo del progetto e lo fa  con queste parole: “vogliamo usare la consulenza aziendale per guidare l’errore tecnico in modo da realizzare soluzioni che, in varie fasi e con varie intensità, porteranno l’azienda a crescere e migliorare i propri processi, ottimizzando i costi per  poter investire maggiori risorse su variabili che possono creare effettivamente un valore per l’incremento del fatturato”.

Utilizziamo la consulenza aziendale per garantirti la qualità che meriti

Apriamo nuovamente con le parole di Giacomo, CEO Co-Brains, che spiegano bene come usiamo la consulenza a favore del risultato: “Ho fondato Co-brains per essere più di una semplice software house. Non volevo solo sviluppare software, volevo progettare per far sì che il software sviluppato fosse il migliore e che garantisse risultati tangibili al nostro cliente. Per realizzare il mio obiettivo mi sono subito  reso conto che avrei dovuto ottimizzare sinergicamente conoscenze tecniche avanzate a capacità consulenziali.  Infatti, credo che prima di proporre una soluzione, bisogna capire di cosa ha realmente bisogno il cliente  per costruire sistemi che in modo efficace fanno funzionare meglio l’azienda e ne accrescono il valore”.

La nostra consulenza si concentra, quindi, nell’aiutare le aziende a superare i problemi e sul generare prima di tutto comprensione e conoscenza delle nuove sfide del mercato.

Gli strumenti per garantirti un processo continuo di consulenza

Efficienza operativa: il nostro metodo di lavoro 

Abbiamo perfezionato negli anni un metodo di lavoro efficace che ci permette di sfruttare in maniera efficiente tutti i componenti del nostro team e del nostro network di fidate collaborazioni. Il processo di lavoro è stato studiato efficientando il tempo a nostra disposizione per permetterci ottimizzare ogni incarico tenendo conto anche degli imprevisti.

È la  consulenza che ci ha  permesso di ottimizzare il tempo a nostra disposizione fornendo una  guida per la costruzione del metodo. Infatti, abbiamo finalizzato per i nostri clienti un accompagnamento continuo dato dalla presenza di un solo interlocutore con competenze avanzate e specifiche sul progetto da seguire e con la capacità di interfacciarsi con il cliente e con il team in tutte le fasi progettuali.

Il nostro metodo si sviluppa attraverso più fasi. Partiamo da un attento ascolto delle esigenze del cliente, seguito da un’approfondita analisi del problema per condividere una proposta dettagliata e funzionale. Continuiamo progettando e sviluppando la soluzione fino all’integrazione ed implementazione di tecnologie avanzate, fornendo supporto completo attraverso un’attenta formazione

Le fasi si compongono da momenti di condivisione, brainstorming iniziale o revisione congiunta di alcuni step di lavoro, a momenti di grande concentrazione e lavoro immersivo, delegati dal consulente progettuale, alla persona di competenza tecnica di riferimento.

Un team eterogeneo e collaborativo, con expertise tecniche, grafiche e comunicative

Nel nostro lavoro il team fa sicuramente la differenza. I risultati aziendali sono il risultato fattivo e combinato del lavoro di ciascuna risorsa. Infatti, pensando ai risultati che volevamo generare abbiamo formato un team di fiducia, eterogeneo e collaborativo composto da professionalità in ambiti complementari: sviluppo, design, comunicazione.

È proprio grazie all’integrazione delle nostre competenze che possiamo seguire progetti anche molto complessi ottimizzando il risultato da tutti i punti di vista.

Più di un claim, un’identità: Human Friendly e Digital Innovation

Lasciamo le parole conclusive in mano a Giacomo, CEO e cuore di Co-Brains, perché nessuno meglio di lui può esprimere con chiarezza ed esperienza: chi siamo, cosa facciamo e come lo facciamo.

“Sappiamo cosa cosa vuol dire ottimizzare un processo realmente, non in termini di semplice automazione ma specialmente di costo beneficio per l’azienda. Scomponiamo in blocchi operativi il sistema in modo da renderlo scalabile e permettere all’azienda di avviare il proprio processo di  innovazione e crescita. Ho fondato Co-Brains perché volevo vedere una software house diversa. Una software house che desse importanza alle persone: clienti, partner e dipendenti. Una software house che fa del rispetto il proprio blasone.”.